Ultimatum del Milan a Gigio Donnarumma. Il club rossonero, irritato con il giocatore e, soprattutto, con Mino Raiola, ha deciso di mettere alle strette il portierino e chiarito di essere pronto a lasciarlo in tribuna per un anno nel caso in cui non si dovesse arrivare a un accordo per il rinnovo di contratto entro la fine di giugno. Il Milan ha offerto a Donnarumma 3.5 milioni di euro a stagione contro i 250mila euro che guadagna attualmente da Gigio, ma Raiola sta da tempo giocando al rialzo forte dell’interessamento di numerosi club europei. Proprio le pretendenti a Donnarumma, Manchester City in testa, attendono alla finestra l’evolversi di una situazione che si fa rovente.

Difficile dire se la mossa del Milan sia giusta oppure no. Sicuramente è un modo di ristabilire le gerarchie e mettere il club davanti a tutto e Donnarumma davanti alle sue responsabilità. E d’altronde, da questo punto di vista, sono giorni che risuona la stessa musica. Gigio si è sempre dichiarato milanista e innamorato del Milan e tutti, da Montella a Gattuso, passando probabilmente per i suoi compagni, lo stanno per questo esortando a fare un passo in questo senso. Il che, tradotto, significa dissociarsi, per quanto possibile, da Mino Raiola e pensare al proprio futuro sportivo senza lasciarlo nelle mani di chi, ovviamente, è più preoccupato del futuro economico del giocatore. Di certo la situazione è diventata quasi insostenibile: a chi converrebbe, infatti, un contratto che arriverebbe alla naturale scadenza “condito” da un anno di assenza dai campi? Risposta banale: a nessuno.

E allora da settimana prossima, una volta chiuso il campionato, è evidente che le parti debbano tornare a parlarsi. Debbano, appunto, senza altre possibilità. A meno che davvero qualcuno non consideri intelligente o giusto o conveniente continuare in questo braccio di ferro che priverebbe il Milan e il calcio italiano tutto di un grande talento e toglierebbe a Donnarumma la possibilità di giocarsi, ad esempio, un posto per i prossimi Mondiali, in programma come noto l’anno prossimo.

Quella del Milan, da questa distanza, ha tutta l’aria di essere una lezione. Per Gigio e per chi verrà dopo di lui. E un chiaro messaggio per Raiola. Perché c’è un calcio che si gioca attorno alle scrivanie e il CALCIO, quello del campo. Un campo che Gigio, oggi, rischia di guardare per un anno dalle tribune di San Siro.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here