Lo diciamo, quasi, subito.
Noi non gli crediamo, per diverse ragioni che andremo ad affrontare, ma intanto teniamoci ai fatti.
Un anziano uomo residente in Salta, Argentina, afferma di essere il famigerato dittatore tedesco Adolf Hitler e d’aver trascorso gli ultimi 70 anni a nascondersi.
In un’intervista con il giornale ultra-conservatore El Patriota, l’immigrato tedesco naturalizzato spiega che è arrivato nel paese nel 1945 con un passaporto che lo ha identificava Herman Guntherberg, un passaporto, ovviamente, falso prodotto dalla Gestapo vicino alla fine della guerra.

Herman afferma d’aver deciso di smettere di nascondersi dopo che i servizi segreti israeliani hanno ufficialmente abbandonato la politica di persecuzione degli ex criminali di guerra nazisti, giusto l’anno scorso.

“Mi sono accusato di molti crimini che non ho mai commesso. Per questo, ho dovuto passare più della metà della mia vita nascosto, quindi ho già avuto la mia punizione “.

L’uomo sostiene di essere al lavoro sulla sua autobiografia, che chiarirà molti misteri e servirà a ripristinare la sua immagine pubblica.

“Sono stato descritto come un cattivo solo perché abbiamo perso la guerra. Quando la gente leggerà il mio lato della storia, cambierà il modo in cui mi percepisce “.

Dice che il suo libro sarà scritto sotto il nome di Adolf Hitler e sarà essere disponibile a settembre.

Molte persone, tra cui sua moglie di 55 anni, Angela Martinez, credono che Herman Guntherberg non sia davvero Adolf Hitler, ma soffra semplicemente di demenza senile.

La signora Martinez afferma che suo marito non ha mai parlato di Hitler fino a circa due anni fa quando ha cominciato a mostrare i segni della malattia di Alzheimer.

“A volte, dimentica chi sono e dove si trova. Sembra in stato di trance e inizia a parlare di ebrei e demoni. Poi torna alla normalità. ”

La moglie crede, in effetti, che il marito possa essere stato un nazista e che i suoi sensi di colpa stiano ora affiorando in maniera prepotente suggerendo al suo inconscio un tale comportamento per redimersi, ma è comunque convinta che non si tratti di Hitler.

E ne siamo convinti anche noi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here