Le nuove mode in termini di cibo impongono una dieta gluten-free.

Ma mangiare senza glutine è davvero sano? Quali sono le differenze tra una fetta biscottata normale e una senza glutine? Un gruppo di ricercatori italiani ha risolto il mistero, mettendo a confronto i cibi con e senza glutine più comunemente venduti nei supermercati. Sono stati analizzati più di 200 prodotti, valutando la composizione in termini di energia, qualità dei grassi, zuccheri semplici, fibre e sale.

Lo studio ha dimostrato che gli alimenti senza glutine non sono affatto più sani dei prodotti normali. Al contrario gran parte di questi prodotti presenta una maggiore quantità di acidi grassi saturi, un minor contenuto di fibra e una maggiore quantità di sale, un mix che insieme non può che peggiorare la qualità della nostra dieta quotidiana. Questo recentissimo studio conferma ciò che molti nutrizionisti sostengono da sempre: mangiare senza glutine è una scelta che deve essere riservata solo a chi soffre di celiachia o sensibilità al glutine; al contrario, chi non ha problemi di tolleranza al glutine rischia di inserire nella propria alimentazione un eccesso di grassi e sale, a scapito della preziosissima fibra.

Dott.ssa Mariangela Stasi, PhD – Biologa Nutrizionista

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here