Conto corrente, meglio in filiale o tutto online?

Mettiamo subito una cosa in chiaro: un conto corrente aperto in filiale, non è diverso da un conto corrente aperto online. A patto che si approfitti di una delle tante offerte a zero spese che vengono consigliate su internet.

Il conto corrente online, in senso stretto, è un conto aperto sul web e utilizzato esclusivamente attraverso canali telematici grazie alle ultime tecnologie di sicurezza bancaria disponibili. Questo sistema ormai è disponibile a tutti, anche a coloro che non hanno a disposizione un computer. Le nuove app delle banche online sono molto comode, da qualche tempo anche molto sicure e accessibili da ogni smartphone e tablet. Molti italiani non hanno possibilità di accesso fisico alla banca, ai suoi sportelli e ai funzionari: si rivolgono pertanto a una banca che offre un conto corrente tutto online.

Il conto corrente bancario “tradizionale”, quello senza nulla di telematico, ormai è diventato una specie di rarità. Non pochi ricordano la montagna di carte firmate in filiale e le lettere con estratti conto cartacei sempre un po’ criptici, per non parlare delle epiche e fantozziane file agli sportelli. In realtà e fortunatamente, il conto corrente bancario tradizionale non esiste più. Ormai anche le banche “fisiche” offrono servizi di banca online ai propri clienti.

Conto corrente in filiale o tutto online?

login a conto corrente online visto da laptop

Da molti anni, tutti i conti correnti bancari disponibili sul mercato italiano hanno come servizio disponibile l’accesso e la consultazione da internet. Sono quindi in qualche modo “ibridi”: consentono al cliente di fare operazioni via internet o di rivolgersi a uno sportello per parlare con un operatore, o un funzionario incaricato. Per chi vuole saperne di più sull’argomento, suggeriamo di consultare l’articolo di questo sito web che approfondisce l’argomento conto corrente online.

Come detto, e lo ribadiamo, la sicurezza di questi nuovi conti correnti online è già arrivata ai massimi livelli. La doppia autenticazione, ad esempio, è un livello di sicurezza che ormai è già al di là delle vecchie “chiavette” con password auto generate. Queste chiavette ormai stanno diventando una rarità anche in Italia. L’assistenza clienti invece, a volte può essere un punto dolente. Bisogna far attenzione a scegliere il proprio conto corrente online cercando una banca che risponda al telefono dall’Italia. Inoltre un’altra caratteristica importante è che abbia un servizio di customer care preparato e veloce. Se possible, consigliamo di evitare quelle banche che organizzano un servizio clienti di “primo livello”, cioè iniziale, di smistamento. Questo viene spesso localizzato in paesi esteri che a volte si trovano addirittura fuori dall’Unione Europea.

Le banche italiane fanno il tifo per i conti correnti online

Non potrebbe essere altrimenti ormai i siti di banca online si comprano quasi “chiavi in mano” da multinazionali del settore. Per una banca “media” italiana il passaggio all’online aiuta nel contenimento costi e nella riduzione del (costoso) personale. Pensate quanto costa alla banca stipendiare un funzionario allo sportello per metterlo lì a rispondere alle domande dei clienti. Usando il canale internet per l’esecuzione delle operazioni bancarie, il costo per la banca stessa sarà nettamente inferiore. Lo stesso vale per l’assistenza clienti e la richiesta informazioni. Se a rispondere alla nostra domanda troviamo una risposta nel sito della banca, il costo per la banca si abbatte drammaticamente. E’ proprio così: la banca risparmia se il cliente correntista è “autonomo” nella gestione del suo conto corrente bancario online.

Sembra proprio una di quelle soluzioni win-win. La banca incoraggia il correntista a eseguire operazioni bancarie usando gli strumenti telematici messi a disposizione. Per far questo incentiva il cliente con tassi di interesse migliori, zero commissioni e zero spese di apertura e gestione conto. Allo sportello invece, tutto diventa più caro, e a volte complicato.

carte di credito

Mr Banca, sito autorevole nel mondo delle banche, conferma che “questo è il momento buono per passare a un conto corrente online: le spese di apertura e di gestione sono zero, le debit card o bancomat sono gratuite per sempre e da qualche tempo a questa parte le App delle banche italiane sono migliorate tantissimo”.

E per i mutui, come si fa?

Su questo tema l’Italia è ancora un po’ indietro, in altri paesi europei come il Regno Unito per esempio, la maggior parte dei mutui vengono accesi tramite l’ausilio di broker. Questi accompagnano il cliente fino all’acquisto della proprietà immobiliare. Da qualche tempo a questa parte sono moltissimi anche i broker online, che permettono di accendere un mutuo senza mettere piede in una filiale di banca! Ma di questo, vi parleremo in uno dei prossimi articoli.

 

Rimani aggiornato sugli argomenti più interessanti nel mondo della finanza.